Home Boris Brollo

Dolcemiele - Boris Brollo

Pittura come ultima condizione (questa di Gori) se ci è permesso di procedere nello sbilanciamento dove la scrittura diventa compagna della pittura, e procedendo per associazione essa tende come la pittura a non spiegarsi, bensì a rivelarsi; la pittura e la scrittura si muovono per segni. Le pennellate diventano la caduta dei sensi, la parte bassa del desiderio, la calligrafia del sogno automatico. Esse in una condizione di abbandono al desiderio, ne sono l'ultimo stadio: avvengono prima del magico. Siamo in zona neutra, forse nel vuoto, nell'oscuramento che implica la caduta dei sensi. Una esperienza che viene dopo il sensibile. Siamo dentro una pittura teorema (meditazione) della contraddizione informale, la quale introduce una condizione di varianza del significato, proprio attraverso i rimandi da una teoria pittorica all'altra, che contraddice la precedente. "Lo scienziato è vincolato dalla propria metodologia, tanto poco quanto il poeta lo è della sua poetica" (Feyerbend). Qui sta il nocciolo della pittura che si dissolve nel desiderio della storia. La sua pittura nell'andare e venire, nel suo passare da un momento grezzo ad uno finito e viceversa, attua la condizione di varianza di significato nel segno "perché si compone e si organizza per se stesso" (M. Merleau-Ponty). Ed è l'ultima condizione per la pittura avvenuta dopo la caduta dei sensi e con la perdita del progetto legato alla forma. Queste tavole sono piene di fatualità e di angoscia, piene di gesto di esistenza, tanto da divenire testimoni severi dell'avventura che Raffaello Gori quoti­dianamente sta vivendo. Ecco perché abbisognano della solidarietà degli uomini che vivono la medesima condizione. Con queste tavole siamo di fronte ad una rinascita, ad un nuovo bisogno di altre condizioni di felicità, e l'emancipazione è tutta interna al progetto (inteso come vita), essa è auto­noma, ma arrivati a questa nuova condizione di percepire, si avvia a questo punto una nuova speranza dell'essere artista.

 Venezia 8 Settembre 1994